Venerdì, 29 Settembre 2017 11:42

Editing del genoma umano: servono norme europee precise

Il 20 Settembre u.s. è stato pubblicato dalla rivista Nature e ripreso da diversi giornali e televisioni, un importante studio che si è avvalso dell'editing del genoma umano per studiare i meccanismi molecolari dello sviluppo precoce di embrioni umani.

La scoperta è frutto di uno studio internazionale coordinato dalla ricercatrice Kathy Niakan, presso "The Francis Crick Institute" di Londra, UK.

Lo studio ha utilizzato la tecnica CRISPR/Cas9 per approfondire i meccanismi molecolari di sviluppo degli embrioni umani e in particolare il ruolo del gene OCT4, che in questo contesto si è rivelato essere fondamentale. Il sistema è stato utilizzato per generare mutazioni nel gene OCT4 in embrioni fecondati in vitro, osservandone poi le fasi iniziali di sviluppo, sempre in vitro.

Questo studio ha evidenziato come la regolazione dello sviluppo embrionale non sia perfettamente sovrapponibile tra modelli animali e uomo, sottolineando l'importanza di poter studiare direttamente gli embrioni umani per incrementare le nostre conoscenze, cosa essenziale per migliorare l'efficienza e il successo degli approcci di fecondazione in vitro.

Naturalmente, sia le ricadute scientifiche che le implicazioni etiche del successo di questa tecnica su embrioni umani non possono passare inosservate. E' importante sottolineare che in Italia la legislazione vigente non permette di utilizzare gli embrioni sovrannumerari ottenuti da fecondazione in vitro per la ricerca e pertanto tali studi ad oggi non possono essere condotti. La FISV ribadisce la necessità di istituire una legislazione europea che stabilisca precisi binari all'interno dei quali gli sperimentatori possano e debbano muoversi.

Gruppo di Lavoro FISV "Nuove tecnologie e scienze della vita"
Daniela Barilà, Vittorio Colantuoni, Piero Morandini, Michele Morgante, Pietro Pichierri, Valeria Poli, Antonella Russo, Sergio Tofanelli

We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of the site have already been set. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information