Lunedì, 13 Marzo 2017 11:53

In ricordo di Anna Tramontano

Il mondo della Ricerca Italiana piange la prematura scomparsa di Anna Tramontano. Anna Tramontano ha studiato fisica all'Università di Napoli Federico II, e ha iniziato la sua attività di ricerca all'Istituto di Genetica e Biofisica (IGB) del CNR dove si è subito dedicata allo studio della biologia computazionale nel gruppo di Antonio Cascino. Dopo un periodo di post-dottorato alla Università della California San Francisco (UCSD), ha lavorato alcuni anni all'EMBL ad Heidelberg nel Programma di Biocomputing come staff scientist. Nel 1990 è rientrata in Italia come Direttore del Dipartimento di Chimica e Biologia Computazionale dell'Istituto di Ricerche di Biologia Molecolare (IRBM P. Angeletti) a Pomezia, allora diretto dal prof. Riccardo Cortese. Nel 2001 è diventata Professore Ordinario di Biochimica prima nel Dipartimento di Scienze Biochimiche e poi nel Dipartimento di Fisica dell'Università La Sapienza di Roma.

Anna Tramontano ha ricoperto incarichi nazionali ed internazionali prestigiosi e la sua carriera è stata costellata da numerosi premi e riconoscimenti. E' stata membro del Consiglio Scientifico dell'European Research Council (ERC), della European Molecular Biology Organization (EMBO), del Consiglio Scientifico dell'Istituto Pasteur-Fondazione Cenci Bolognetti e del comitato organizzatore dell'esperimento mondiale CASP (Critical Assessment of Techniques for Protein Structure Prediction). Ha fatto parte dell'Advisory Board dello Swiss Institute of Bioinformatics di Basilea, del Centro de Regulacion Genomica di Barcellona, del CNB di Madrid, del Max Planck for Molecular Genetics di Berlino, dell'IIMCB di Varsavia, dello Scientific Advisory Committee dell' EMBL e dell'European Bioinformatics Institute (EBI). E' stata inoltre editor delle riviste scientifiche Bioinformatics, Proteins, PLoS One e Current Opinion in Structural Biology e insignita del premio per le Scienze Naturali della Presidenza del Consiglio dei Ministri, del Premio Marotta e del Premio Tartufari e del KAUST Investigator Award.

Anna è stata una leader assoluta nel campo della Bioinformatica dove ha portato contributi innovativi soprattutto nello studio del folding delle proteine e della predizione della interazione proteine-proteine. E' stata un punto di riferimento per numerose generazioni di giovani ricercatori combinando sempre la passione per la scienza con la disponibilità al dialogo e al confronto. Anna lascia per tutti noi un vuoto incolmabile. Ricorderemo sempre il suo sorriso, la sua arguzia e la sua grande intelligenza.

We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of the site have already been set. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information