Nutrire il pianeta di cibo ed energia: la sfida dei ricercatori che studiano le piante

Prof. Felice Cervone
Presidente FISV

Milioni di persone nel mondo patiscono la fame e la malnutrizione.
Per esempio, due milioni di bambini muoiono ogni anno nei paesi poveri per mancanza di vitamina A, il cui precursore di biosintesi è carente negli alimenti a loro disposizione.
Uno degli obiettivi dei ricercatori che studiano le piante è il miglioramento genetico delle varietà agronomiche coltivabili nelle varie parti del mondo e in condizioni climatiche diverse.
Ottenere piante resistenti alle avversità ambientali e alle malattie e, al contempo, ricche di elementi nutrizionali essenziali per la salute è sfida primaria della biologia.
Un secondo importante obiettivo è trovare una fonte alternativa e sostenibile di energia che limiti l'uso indiscriminato e dannoso dei combustibili fossili.
Anche il Papa nella sua recente enciclica si è fatto portavoce di questo problema.
Utilizzare come fonte di energia le alghe e le biomasse provenienti da scarti agricoli e forestali è un obiettivo a portata di mano. La fotosintesi, che permette la nostra vita in questo pianeta, può essere sfruttata in modo intelligente per ridurre l'inquinamento globale e migliorare la qualità dell'ambiente.

We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of the site have already been set. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information