Valeria Poli

Prof.ssa Valeria Poli
Presidente SIBBM (Società Italiana di Biofisica e Biologia Molecolare)
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.
ORCID: orcid.org/0000-0002-3739-3966

Note biografiche
1984 Laurea in Scienze Biologiche, Magna cum Laude, Università degli Studi di Torino.
1984-1986 Tirocinio Post-Laurea, Università degli Studi di Torino.
1986-1988 Post-dottorato, Università di Torino, Borsa di Studio Anna Villa Rusconi.
1988-1990 Post-dottorato, European Molecular Biology Laboratory, Heidelberg , Germania.
1990-1992 Post-dottorato, Columbia University, NY, NY, USA, borsa di studio EMBO.
1992-1997 Principal Investigator, Istituto di Ricerche Biol. Molecolare (IRBM), Roma, Italia.
1997-2001 Principal Investigator, Wellcome Trust Senior Research Fellow, Senior Lecturer Onorario e Direttore dell'Unità Transgenici, Università di Dundee, UK.
2001-2005 Professore Associato in Biologia Molecolare, Università degli Studi di Torino.
2005-oggi Professore Ordinario in Biologia Molecolare, Università degli Studi di Torino.
1998 Eletta membro della European Molecular Biology Organization (EMBO).
2013-2015 Eletta nel Direttivo della Società Italiana di Biofisica e Biologia Molecolare (SIBBM).
2014 Eletta membro della Academia Aeuropea
2016 Eletta Presidente della SIBBM
2012-2015 membro della Commissione per l'Abilitazione Nazionale, Settore Scientifico disciplinare 05/E2.
2011-2016 Membro del Pannello LS4 giudicante gli Advanced Grants dell'ERC.
Membro dell'editorial board di Cell Communication and Signaling, American Journal of Cancer, JAK-STAT e Frontiers in Molecula and Cellular Oncology.
Membro dell'Associazione di Biologia Cellulare e del Differenziamento.
Co-autore di più di 130 pubblicazioni, H-index 61, 16542 citazioni.

Interessi Scientifici:
Gli interessi del laboratorio si focalizzano sull'analisi molecolare dei meccanismi di trasformazione tumorale, in particolare nel tumore mammario, e di regolazione del metabolismo energetico delle cellule.
Diversi modelli in vitro e in vivo si prefiggono di chiarire alcuni dei ruoli giocati dal fattore di trascrizione STAT3 nel mediare la causalita' tra infiammazione e tumore e nel provocare l'insorgenza di malattie quali la miocardite autoinfiammatorie e autoimmunitarie.

We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of the site have already been set. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information